Notiziario CCISS del giorno 17/12/2017 17:20

Ascolta la diretta

Contatta Isoradio
via sms 348 / 103.10.10
I vostri messaggi
VISUALIZZA GLI ALTRI SMS

Meteo Mobilità


Isoradio riceve e distribuisce le previsioni sull'andamento meteorologico per le esigenze di chi si sta muovendo e può solo ascoltare. Vai alla pagina delle previsioni

INFOTRAFFICO

Collaborazioni CCISS Aiscat Polizia di Stato Autostrade Arma dei Carabinieri ANASACI

Traffic Message Channel


Il Traffic Message Channel (TMC) è un servizio dati che viene trasmesso "paralellamente" all'audio, sfruttando il canale Radio Data System (RDS). Infatti l'RDS offre moltissime altre funzioni, oltre quella banale di far leggere il nome dell'emittente sul display della radio. Il TMC contiene tutte le notizie sul traffico rese disponibili dal CCISS (Centro Coordinamento Informazioni Sicurezza Stradale) e dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Chi dispone di un autonavigatore che fornisce le informazioni in tempo reale sfrutta appieno il servizio RDS-TMC poiché l'autonavigatore usa una piccola radio FM per riceverle. La distribuzione del servizio RDS-TMC della RAI è totalmente gratuita essendo la RAI il Broadcaster Pubblico.
Leggi tutto
Scarica l'Applicazione Radio Rai

Informazioni sul traffico gratuite e in tempo reale direttamente sul vostro navigatore

Il TMC, acronimo di Traffic Message Channel, è un servizio digitale che permette di ricevere segnalazioni di traffico direttamente sul proprio navigatore o sul proprio radioricevitore.
Il servizio TMC in Italia  è fornito da RAI  sulle frequenze di Radio1,2,3 (usa il canale dati RDS) e può essere ricevuto su tutto il territorio, salvo aree limitate. Per ricevere il servizio TMC RAI è sufficiente disporre di un navigatore satellitare idoneo al servizio "free", che può essere fornito direttamente dal fabbricante della vettura, o acquistato separatamente.

Alcuni navigatori in commercio si agganciano a un servizio criptato " a pagamento"; il servizio su alcuni modelli di auto è apparentemente gratuito poiché  già pagato dal fabbricante del veicolo (es: Audi).

Il TMC è disponibile su tutte le vetture?

Per ricevere il TMC è indispensabile disporre di un apparato idoneo. Purtroppo, dato che il servizio TMC RAI è (unico in Italia) gratuito, e inoltre viene utilizzato "automaticamente" dai navigatori forniti in dotazione alla vettura (i settaggi sono complessi, e  vengono effettuati in fabbrica), spesso sui manuali in dotazione non viene citato, o spiegato in modo adeguato. Nè appare la fonte delle informazioni di un servizio "sommerso", che emerge solo quando non viene ricevuto e si corre  all'Assistenza, sempre che sia stato in qualche modo attivato in precedenza.
Potrebbe quindi persino accadere che ci si doti di un navigatore con TMC "a pagamento" quando la vettura può disporre del TMC "free", ma per saperlo l'unico canale informativo è l'Assistenza del costruttore.
Chi acquista quindi una vettura con navigatore in dotazione è bene che chieda all'Assistenza "se" e "come" può ricevere il TMC gratuito della RAI.

Su quali modelli di vettura è possibile ricevere il TMC ?

Per le ragioni sopra esposte non è disponibile un elenco esaustivo. I fabbricanti di vetture possono    essere aggiunti inviando le informazioni a isoradio@rai.it, inserendo  nell' oggetto  "Vettura con apparato TMC" e saranno contattati.

Alcune marche su cui (per alcuni modelli) è disponibile il sistema (già incluso o su domanda) per ricevere  il TMC "free" della RAI, sono:

Nissan
Seat
Skoda
Volkswagen

Su altri siti web sono  reperibili i modelli di navigatori che ricevono il TMC "a pagamento".

Perché esistono  il TMC criptato a pagamento e il TMC gratuito della RAI ?

Il servizio RDS (Radio Data System) è stato progettato per fornire una molteplicità di servizi, anche molto complessi, anche criptati. La bassa velocità del flusso dati disponibile è abbondantemente compensata dalla pervasività (può essere inserito su ogni canale radio FM), e dal costo aggiuntivo quasi nullo; i chip oggi impiegati per realizzare le radio FM comprendono già le funzioni RDS, il fabbricante deve solo decidere se "tirarle fuori".
La RAI usa il canale  RDS per diffondere diversi servizi: Traffic Announcement, Frequenze Alternative, Ora esatta, Testo, EON, e anche il canale TMC (sta per Traffic Message Channel).
Il servizio TMC della RAI è iniziato il 1 luglio 1998 nel Nord Italia, e gradualmente è stato esteso alle frequenze di Radio 1, 2, 3 in tutta Italia. Poiché oggi  quasi  ogni trasmettitore FM è già dotato di un coder RDS, il fatto che qualche emittente usi il canale RDS per fornire servizi a pagamento è tecnicamente realizzabile a costi irrisori, mentre la platea di utenti è enorme.

A differenza dei vari servizi web, APP eccetera, il canale RDS non costa nulla all'utente. Mentre la connettività mobile "si paga" e non poco, e  gli smartfon di ricezione costano centinaia di euro, diventano obsoleti in un paio di anni, e richiedono molto tempo per aggiornamenti, consultazioni, ecc. , il ricevitore RDS è "embedded" nell'autovettura e quindi durerà quanto l'autovettura, con una vita utile almeno decupla e un uso infinitamente più semplice. Alcune APP che rendono ascoltabile la radio FM visualizzano anche i dati contenuti nell'RDS, come ad esempio il nome dell'emittente. La scelta di non sfruttare  tutte le informazioni  RDS dipende dal programmatore della APP, e anche dai moduli software resi disponibili ai programmatori software.


Cosa offre il TMC


Un flusso continuo di informazioni sul traffico, disponibile in tutta Italia ovunque si riesca a ricevere uno dei tre canali Radio FM della RAI. E gratuito.

Questo è il servizio TMC - Traffic Message Channel  della RAI.
Milioni di guidatori italiani vorrebbero  i servizi di informazioni sul traffico a pagamento offerti sui   navigatori, ma    ignorano l’esistenza del servizio “gratuito” della RAI che trasmette le informazioni "certificate" dal CCISS.

Il servizio TMC  rispetto  ad altre soluzioni che utilizzano reti wireless (GSM/GPRS, UMTS) offre il vantaggio di non richiedere il costo  per lo scaricamento dei dati.

Alcuni modelli di navigatori satellitari che integrano e rielaborano i dati sul traffico che provengono dal canale TMC,  attraverso il software di gestione del navigatore, o offrono:

Visualizzazione su mappa:

i dati vengono mostrati su mappa con icone differenziate a seconda del tipo di segnalazione presente (es. coda, cantieri,..)

Presentazione delle sole segnalazioni che hanno impatto:

il sistema mostrerà automaticamente le sole segnalazioni nell’area in cui l’utente si trova.
Impostando un percorso sul navigatore, il sistema elencherà tutte le segnalazioni ordinandole in base alla vicinanza rispetto all’utente

Ricalcolo del percorso in base alle notizie dinamiche:

il sistema permette di ricalcolare il percorso in modo da evitare le turbative di traffico

Costi:

il costo è dato dal costo del navigatore o dell'antenna. Fruire del servizio RAI è gratuito. Sul costo dei modelli di navigatori che offrono servizi di "informazioni in tempo reale" a volte è incluso il costo dell'accesso al TMC; altrimenti si tratta di un costo aggiuntivo, in genere un canone annuo.

Allerta contromano:

Su alcuni modelli l'infotainment center, programmato  in modo  che un "Allarme contromano"  vada evidenziato immediatamente, lo fa apparire in chiaro sul display con un testo "ad hoc", e suona un allarme sonoro.



Occorre premere un tasto per dimostrare che si è letto l'avviso, e spegnere così l'allarme!

Segnalazioni di problemi su tale allarme possono essere inviate a isoradio@rai.it.

Con la nascita degli  Automotive Infotainment Systems la situazione diventa sempre  più complessa: si dispone di sempre  più funzioni, ma è quasi impossibile conoscerle preventivamente, salvo eccezioni. Ad esempio; 
le vetture di ultima generazione dotate di Infotainment MIB (Gruppo Volkswagen) hanno attiva questa funzione: la comunicazione di pericolo viene visualizzata interrompendo qualsiasi visualizzazione (anche ascolto di altre emittenti Radio) sia su display MIB che sul display del quadro strumenti. Purtroppo queste funzioni spesso non sono rilevabili in genere né dalla documentazione corrente sulle vetture in vendita o sul web, né tramite i motori di ricerca a meno che non si conosca "esattamente" il nome del Automotive Infotainment System coinvolto e la sigla valida per il modello di auto. E' possibile indicare informazioni su altri AIS in commercio  scrivendo a isoradio@rai.it

Come ricevere il TMC free ?
 


Per ricevere gratuitamente le informazioni sul traffico il navigatore deve disporre della "funzione di ricerca" per  sintonizzarsi sulle frequenze di Radio RAI. E’ indifferente che sia Radio1, Radio2 o Radio3.

I migliori navigatori hanno un sistema automatico di ricerca delle emittenti TMC, e possono scegliere quella con il segnale migliore. Alcune emittenti (non RAI) irradiano un segnale "criptato", quindi non leggibile senza abbonamenti (alcuni fabbricanti di navigatori offrono l'abbonamento insieme al navigatore, quindi le informazioni appaiono "in chiaro").

E' indispensabile installare correttamente  l’antenna FM del navigatore  in modo da garantire un buon livello del segnale "e" basse distorsioni digitali. Per maggiori dettagli fare riferimento alle istruzioni d'uso del navigatore.

Per ricevere il servizio TMC RAI è necessario che il navigatore sia abilitato alla ricezione  TMC "free"; non è necessario alcun accordo  tra il produttore del navigatore e la RAI.

Se il navigatore è “bloccato” su una particolare emittente non potrà ricercare il servizio RAI. Questo in genere accade quando il fabbricante del navigatore ha stipulato accordi con provider diversi da RAI; occorre quindi premunirsi acquistando un navigatore non bloccato.

Inoltre il navigatore dovrà essere sintonizzato sulle frequenze di Radio RAI. Per conoscere la copertura  del segnale FM RAI consultare il sito www.raiway.it o chiamar el'800 111 555.

Le informazioni trasmesse vengono visualizzate sulla mappa del navigatore o elencate come testo, e in genere sono ordinate per distanza rispetto al punto in cui ci si trova. In generale l'utente può scegliere quali visualizzare, in che ordine, entro quanti km, eccetera...consultare il manuale del dispositivo.

TMC o  RDS-TMC ?

Il Traffic Message Channel (TMC) è  identificato con il servizio RDS (Radio Data System) perché è il  canale su cui viene  trasmesso dal 1 luglio   1998. Il canale RDS è un "sottocanale" dati inserito nel segnale FM.


Nulla tuttavia impedisce che il Traffic Message Channel, cioè il "flusso" di informazioni sul traffico che lo costituisce, sia trasmesso anche tramite altri canali, e reso consultabile in altre forme. Le informazioni TMC sono oggi diffuse da RAI anche sul Televideo (pag.640) e  Radio Digitale (canale Isoradio)

Cosa fare se non si riesce a riceverlo?

La copertura del servizio TMC coincide con quella di Radio1, 2, 3 in FM. Se si ascolta l'audio si dovrebbe anche ricevere il TMC.

Se ciò non accade, o se il navigatore segnala che il "TMC" è ok, ma non vedete informazioni, potete segnalare il problema (dopo aver verificato presso la Manutenzione della vostra vettura che il navigatore funzioni correttamente) scrivendo a Raiway Via Teulada 66 00195 Roma. Se non si ottiene risposta si può scrivere a Isoradio Largo Villy De Luca 4 00188 Roma, o a isoradio@rai.it, o mandare un SMS al 348 103 10 10.

Informazioni errate nel contenuto

La fonte delle informazioni è il CCISS;  se le informazioni sono errate nel contenuto, può essere contattato o al numero 1518, o tramite il sito www.cciss.it .  O si può scrivere a isoradio@rai.it inviando una immagine del display.


Troppo poche informazioni


Le informazioni possono essere poche  perché:

-  semplicemente, non sono disponibili; per verificare contattare il CCISS

- il ricevitore è settato in modo da riceverne solo una parte, o le più vicine. Il TMC è "nazionale", e quindi manda le informazioni di tutta Italia, ciò per consentire una migliore pianificazione dei lunghi viaggi. Se il "raggio di visualizzazione" impostato è molto piccolo si ricevono solo le informazioni più prossime. Le informazioni trasmesse "in tutta Italia" sono centinaia.

- la ricezione non è perfetta, e molte informazioni "si perdono" a causa di errori di ricezione. In tal caso si può segnalare o telefonando al numero gratuito 800 111 555 di Raiway, o inviando una segnalazione qui.



Contatti

Inviare un sms al 348 103 10 10 (più veloce) o scrivere a isoradio@rai.it. Indirizzo postale: Isoradio pal.G2 Largo Villy de Luca 4 00188 Roma

Funzionamento

Ogni informazione proveniente dal CCISS - Centro Coordinamento Informazioni Sicurezza Stradale in Via Caraci 36 - Roma, giunge al Centro RAI di Via Teulada 66 - Roma, dove viene codificata e diffusa istantaneamente su tutta la rete di distribuzione FM di Raiway.

Il messaggio è codificato in modo che ogni navigatore abilitato alla ricezione TMC possa localizzare con precisione l'evento sulla mappa.


Quando la RAI avviò per prima in Italia, il primo Luglio 1998, il servizio RDS-TMC, aperse la strada all’impiego della georeferenziazione per la mobilità: infatti tutte le informazioni TMC sono georeferenziate usando le coordinate WGS84 (in ogni notizia sono incluse latitudine e longitudine del punto, ciò consente al software di allocare le icòne sulla  mappa).

La precisione ottenibile dal GPS realizzato dagli USA (circa 20 m) è oggi  troppo scarsa per applicazioni raffinate come la distinzione tra corsie, ma l'Unione Europea sta realizzando  il sistema "Galileo" che, sfruttando le tecnologie oggi disponibili, fornirà precisioni molto maggiori (2 m - 20 cm).

Il protocollo di codifica nativo delle informazioni sul traffico impiegato per scambiare informazioni di traffico "professionali" tra Enti è il DATEX 1, ma i messaggi in DATEX possono essere diffusi in altro modo, ad esempio in un file XML, come oggi avviene comunemente.

Tutti gli Enti italiani (Autostrade per l'Italia, ANAS, Polizia Stradale, Carabinieri, ecc.) comunicano al CCISS le proprie informazioni sul traffico, il CCISS le raccoglie, le valida e le invia alla RAI per la diffusione via TMC.



Database TMC

La precisione delle informazioni  di posizionamento è data dal Database TMC (gestito dal CCISS, vedi per informazioni www.cciss.it ); sta per essere emessa la versione 4.0. Ogni versione comprende più "punti" della precedente, rendendo così sempre più ricco il database delle possibi informazioni diffuse via Isoradio, Onda Verde, TV e TMC.



Ultimo aggiornamento: 9 maggio 2016

Rai.it

Siti Rai online: 847